Jules Massenet: opere e memorie tutte francesi.

j.massenet

di Salvatore Margarone

Compositore francese Jules Massenet nacque a Montaud, Saint-Étienne, 1842 e morì a Parigi nel 1912.

Iniziò gli studi musicali sotto la guida della madre; a nove anni fu ammesso al Conservatorio di Parigi, dove fu allievo di Laurent per il Pianoforte, Reber per l’Armonia e A. Thomas per la Composizione.

Premiato diverse volte durante i saggi finali del conservatorio, nel 1863 vinse il Prix de Rome con la cantata David Rizzio. Durante il soggiorno a Villa Medici compose anche una raccolta di liriche, Poéme d’avril, un Requiem e diversa musica sinfonica, tra cui Scènes pittoresques e le Scènes napolitanies.

Nel 1867 compose anche un’opera comica in un atto, La grand’tante, che rivelò il suo spiccato talento per il teatro unito a una facile e spontanea vena melodica.

Da allora l’attività compositiva di Massenet divenne intensa non solo nell’opera, ma anche nella musica sinfonica, da camera e sacra.

Nel 1873 presentò al Concerts Colonne un dramma sacro, Marie-Magdaleine per soli, coro e orchestra e nello stesso anno componeva l’opera Don César de Bazan, a cui seguirono anche, ed ebbero particolare successo, Le roi de Lahore (1877) e Hérodiade (1881).

Maie Mgdalene Massenet

Tre anni dopo, l’Opéra-Comique metteva in scena Manon (19 gennaio 1884), destinata a divenire una delle opere francesi più popolari dopo Carmen di Bizet: i caratteri scenico-musicali del verismo bizetiano si amalgamava benissimo con Massenet, con un’impronta del tutto personale sia nel taglio lirico-drammatico dei personaggi, sia nell’incisiva vocalità e nella strumentazione raffinata e pittoresca.

Manon Massenet

Il soggetto di Manon, da Prévost, rispondeva pienamente a quel tipo di teatro sentimentale e irruento nello stesso tempo,che il pubblico di allora richiedeva. Per le stesse ragioni, la riduzione del Werther di Goethe permise a Massenet di rinnovare, nel 1882, al teatro di corte di Vienna, il successo di Manon anche nei paesi di lingua tedesca. La storia di Manon fu ripresa da Massenet nel delizioso atto unico Le portrait de Manon (1894), che rievoca la vecchiaia di Des Grieux attraverso lo specchio deformante delle celebri melodie della Manon maggiore.

Werther Massenet

Chiamato a ricoprire la cattedra di Composizione al conservatorio nel 1878), Massenet divenne anche direttore dell’Institut, ma rinunciò ad entrambe le cariche nel 1896 per dedicarsi interamente alla composizione, raggiunta ormai una fama internazionale.

A parte alcune recenti “riscoperte”, sono rimaste oggi in repertorio soltanto Manon e Werther; vanno ricordate tuttavia fra le sue opere, in tutto una trentina, Le Cid (1885), Esclarmonde (1898), Thais (1894), Cendrillon (1899), Le jongleur de Notre-Dame (1902) e Don Quichotte (1910), le quali contengono pagine di stupenda ambientazione lirico-drammatica e di solida costruzione musicale.

                              Thais         Cendrillon massenet

Fra le sue composizioni da camera vanno menzionate le delicatissime liriche (circa 200) per canto e pianoforte.

Nel 1912 furono pubblicate le sue memorie, Mes souvenirs, documento molto importante per la comprensione della cultura operistica francese di fine secolo.

massenet autografa

A differenza di altri veristi, Massenet fu sempre alieno dalla ricerca di facili effetti; cercò invece di tradurre con sensibilità gli aspetti più intimi della società borghese del tempo e della cultura letteraria e artistica che la rispecchiava.

http://www.lideamagazine.com/11073-2/

1 comment for “Jules Massenet: opere e memorie tutte francesi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: